Foularde Parade. A Courmayeur la moda racconta le Alpi
01/07/2017 - 03/09/2017

Courmayeur, 1° luglio 2017. Il foulard: un accessorio iconico, indossato anche da celebrità come Jackie Kennedy, Audrey Hepburn e Grace Kelly, dive di Hollywood e personalità del jet set internazionale. Courmayeur lo celebra ospitando nel cuore del paese, alla Maserati Mountain Lounge nei locali del Museo Transfrontaliero, la mostra “Foulard delle montagne”. A cura del Museo Nazionale della Montagna di Torino, l’esposizione è completamente realizzata con pezzi appartenenti alle sue collezioni e sarà visitabile dal 1° luglio al 3 settembre.
In mostra, 70 foulard a tema montano: un viaggio nella storia di questo accessorio e, parallelamente, dell’immaginario legato alle Alpi, una destinazione inizialmente elitaria – pensiamo alle villeggiature delle teste coronate e dell’alta borghesia – e più tardi, più accessibile. I più antichi appartengono agli anni Venti e Trenta del Novecento, ma non mancano carré degli anni Duemila. In esposizione si possono ammirare le creazioni di grandi firme della moda: da Chanel a Hermès, Prada, Givenchy, Gucci, Céline, Krizia, Ralph Lauren, Escada, Gabrielli, AAllard e Bogner. A queste si affiancano le griffe contemporanee, tra le quali Étoile de Marie, Casali 71, Lola Paltinger, Milleneufcentquatrevingtquatre e Charlotte Hudders che si distinguono per la loro iconografia originale ispirata all’arte moderna.   Numerosi i pezzi dedicati nel corso degli anni alle Olimpiadi invernali come quello realizzato da Stoffelo per i Giochi di St. Moritz del 1948, o da Cattaneo Cravatte per i più recenti di Torino 2006, passando per le Olimpiadi di Oslo del ’52. Un viaggio affascinante per raccontare attraverso la moda i costumi dell’epoca, il modo di vivere la montagna e il paesaggio. Dagli albori dello sci alpino rappresentato da un foulard in seta datato 1920, fino alle cime stilizzate di Slavka Kolesar disegnato per Etoile de Marie nel 2015.






Indietro
Esporta in formato PDF

Ricerca
E-mail

Leggi l'informativa sulla privacy
 

Invia